PROVENTI E ONERI STRAORDINARI: COSA SONO?

Tempo di lettura: 3 minuti

Ti è mai capitato che il commercialista inserisse la voce proventi e oneri straordinari nel tuo bilancio? Nel caso, ci hai mai capito qualcosa di cosa veniva messo in questa categoria del tuo bilancio civilistico?

Permettimi di risponderti con un’ulteriore domanda: secondo te vendere un macchinario che hai usato in passato è una cosa ordinaria, normale, che capita spesso?

Che cosa sono i proventi e oneri finanziari

Lo so, domanda idiota. No, che non lo è. È una cosa che avviene una volta ogni tanto, magari passa un lustro o addirittura un decennio prima che capiti. È appunto quella che si dice una operazione straordinaria.

I proventi e oneri straordinari riguardano faccende come questa e altre molto simili. Avvenimenti che generano un movimento nel tuo conto economico in maniera sporadica, e soprattutto non hanno a che fare con il tuo ciclo produttivo. Erano una categoria particolare, che è stata eliminata qualche anno fa.

Proventi e oneri straordinari in conto economico

Proventi e oneri straordinari nel conto economico civilistico

Queste sono le macro-classi che troviamo nel conto economico civilistico. Come vedi, alla quinta voce, ritroviamo i proventi e oneri straordinari. 

In altre parole, fino a poco tempo fa erano previsti dalla legge e, più precisamente, dal principio OIC 12. In quanto non hanno nulla a che fare con la gestione ordinaria dell’azienda, essi venivano posti in basso, subito prima delle imposte e tasse. 

Nel conto economico riclassificato, in quanto si tratta di documento non fiscale, essi possono ancora apparire, come gestione straordinaria. Molto importante è che essi vengano calcolati dopo il MOL e il reddito operativo. 

Proventi e oneri straordinari nel conto economico riclassificato

Proventi e oneri straordinari: cosa rientrava in questa categoria

Secondo il principio OIC 12 riguardavano:

  • eventi particolari;
  • che non avvenivano regolarmente, di un esercizio con l’altro;
  • che non avevano a che fare con la gestione caratteristica dell’azienda.

Ok, detto così, ogni cosa sarebbe potuta entrare discrezionalmente in questa categoria. 

Cerchiamo allora di essere un po’ più precisi: 

  • oneri da ristrutturazione aziendale;
  • plusvalenze e minusvalenze riguardanti partecipazione e cessione rami d’azienda;
  • plusvalenze e minusvalenze riguardanti partecipazione e cessione cespiti;
  • oneri da furti e ammanchi;
  • rettifiche di errori di esercizi precedenti.

Proventi e oneri straordinari: eliminazione

Col tempo, l’OIC e la legislazione italiana hanno previsto la loro eliminazione dal conto economico. 

Se sei proprio curioso riguardo la faccenda, furono eliminati con il D. Lgs n° 139 del 2015, il quale ebbe effetto per i bilanci a partire dal 1° gennaio 2016. 

Per quanto sia inutile cercare di capire la motivazione riguardante l’eliminazione, è lecito sapere che la cosa ha creato diversi problemi a ragionieri e commercialisti. 

Dove andare infatti a segnalare simili voci in conto economico civilistico? 

Proventi e oneri straordinari: nuova collocazione

Se una volta amavi riempire questa categoria insieme al tuo commercialista, oggi che cosa devi fare, data la loro eliminazione?

Gli accademici dell’OIC e della contabilità italiana hanno risposto così: 

La nuova collocazione per i proventi e oneri straordinari

Perché FareNumeri?

Pensiamo sia il modo migliore per farci conoscere.

Se l’articolo che hai letto ha risolto il tuo dubbio siamo contenti, per noi è una soddisfazione ogni volta. Se invece, il tuo problema è complesso e non riesci a risolverlo da solo, clicca qui sotto.

Contattaci

Foto dell'autore Igor Zardoni

Igor Zardoni

Cintura nera di excel e appassionato di scrittura. Parole e numeri sono le due facce della mia passione e della mia professione.

Potrebbero interessarti anche: