ATTIVO NETTO: DEFINIZIONE E CALCOLO

Tempo di lettura: 3 minuti

La definizione di attivo netto fa riferimento allo stato patrimoniale riclassificato. In particolare, la distinzione tra attivo (lordo) e attivo netto è collegata ai fondi di ammortamento ed ai fondi rischi e oneri (es: fondo svalutazione crediti), come mostrano le seguenti tabelle.


Distinzione tra attivo e attivo netto

All’interno di un prospetto di bilancio contabile, le immobilizzazioni si collocano nell’attivo al costo storico, mentre al passivo sono presenti i relativi fondi di ammortamento. Uno schema analogo vale anche per i crediti commerciali e il relativo fondo di svalutazione. Chiariamo il tutto con un esempio:

  • immobilizzazioni = 80;
  • fondo ammortamento immobilizzazioni = 40;
  • crediti commerciali = 30;
  • fondo svalutazione crediti = 5.
Nel prospetto di stato patrimoniale le voci appaiono come mostra la seguente tabella:
Tabella per il calcolo del totale attivo

La stessa situazione può essere rappresentata in forma semplificata, sottraendo i fondi di ammortamento e svalutazione, otterremo l’attivo netto.

  • immobilizzazioni= 80 – 40 = 40;
  • crediti commerciali = 30 – 5 = 25;

In questo modo lo stato patrimoniale appare come nell’immagine seguente.

Tabella per il calcolo del totale attivo netto

Questo differente approccio non ha un impatto di tipo sostanziale, consente solo di rappresentare la medesima situazione aziendale in una modalità semplificata.

La necessità di precisare la tipologia di attivo nasce soprattutto in sede di analisi di bilancio. Ad esempio, nel calcolo di indicatori come il ROA, che ha come denominatore il totale dell’attivo.

Formula per il calcolo dell'indice ROA

Giusto per fare un altro esempio possiamo citare anche il grado di indebitamento:

Formula per il calcolo del grado di indebitamento

Due possibili interpretazioni

Nelle analisi di bilancio i dati considerati sono spesso quelli del bilancio civilistico, ovvero il formato reso pubblico e depositato presso il registro delle imprese, in cui lo stato patrimoniale (art.2424 c.c.) presenta il valore delle immobilizzazioni al netto dei fondi di ammortamento.

Al contrario, per quanto concerne i crediti commerciali, la valorizzazione nei bilanci civilistici è iscritta al lordo del fondo svalutazione crediti. In altre parole, i bilanci civilistici presentano un valore dell’attivo al netto dei fondi di ammortamento ma al lordo dei fondi rischi e oneri.

In ogni caso è bene precisare che i fondi rischi e oneri raramente hanno un valore tale da spostare in modo significativo i risultati di analisi. Per questa ragione, nella pratica operativa, è diffusa l’abitudine di utilizzate come attivo netto, il valore del totale attivo iscritto nel bilancio civilistico senza ulteriori operazioni di ricalcolo.

Attivo fisso netto

Una logica analoga si applica per la definizione di attivo fisso netto.

Attivo fisso è quella classe di stato patrimoniale che raggruppa quei beni che sono strutturalmente impiegati dall’impresa, tipicamente le immobilizzazioni, ma può contenere anche i crediti e le rimanenze liquidabili oltre i 12 mesi.

Come calcolare il totale attivo fisso netto

In alcuni casi è esplicitato nella definizione se tale grandezza viene espressa in termini netti oppure al lordo dei fondi di ammortamento.

Risultato finale del calcolo del totale attivo fisso netto

Quando si parla di attivo fisso netto si fa riferimento al valore dell’attivo fisso, al netto dei fondi di ammortamento.

Problema risolto?

Ormai siamo tutti abituati a cercare su internet un po’ di tutto. Con pochi click puoi raggiungere tutte le informazioni del mondo. Ma per fare un lavoro, non sempre basta la conoscenza. Molto spesso devi avere anche gli strumenti giusti e l’aiuto di qualcuno con un po’ di esperienza. In questo modo puoi evitare gli errori da principiante. 

Per andare sul sicuro, e migliorare i sistemi di controllo della tua impresa, contattaci.

autore-giuseppe-brusadelli

Giuseppe Brusadelli

Da piccolo appassionato di numeri e matematica, da grande specializzato in finanza e controllo di gestione.

Potrebbero interessarti anche: