CONTABILITÀ SEMPLIFICATA: COS’È E CHI PUÒ ADOTTARLA

Tempo di lettura: 3 minuti

Se sei una Ditta Individuale o stai pensando di diventarlo, ti sei mai chiesto che cosa sia la Contabilità Semplificata?

La prima cosa che devi sapere è che si tratta di un regime contabile che presenta alcune agevolazioni come: 

  • Utilizzo del Principio di Cassa e non quello di competenza
  • Esonero dalla stesura di alcuni libri contabili
  • Più semplicità nella gestione fiscale

Per questo, la Contabilità Semplificata viene spesso scelta da quei professionisti che non conseguono grandi fatturati e che sono meno strutturati.

Contabilità semplificata e principio di cassa

Se stai pensando di adottare il regime di Contabilità Semplificata, è molto importante che tu capisca come funziona. Innanzitutto, questo regime si basa sul cosiddetto Principio di Cassa.

Fatturare e Incassare, se non lo sai ancora, non sono la stessa cosa. Infatti, non tutte le fatture sono a rimessa diretta, ovvero che si incassano al momento dell’emissione. Alcuni clienti potrebbero chiederti di posticipare a 30, 60, magari anche 90 giorni il pagamento. 

Nei regimi di contabilità ordinaria, tali fatture andrebbero a partecipare al reddito comunque, anche se non incassate o pagate (nel caso di costi) ancora alla fine dell’anno. 

Nella Contabilità Semplificata, registrerai solamente ciò che hai realmente incassato e pagato. Il tuo reddito si forma infatti sui tuoi reali movimenti di cassa, evitandoti dunque di: 

  • pagare tasse su fatture che non hai ancora intascato
  • vedere il tuo reddito abbassarsi per fatture che ancora non hai pagato

Contabilità semplificata e libri contabili

Altro grande vantaggio che porta la Contabilità Semplificata, riguarda una maggior semplicità dal punto di vista documentale e burocratico. 

Chi adotta questo sistema infatti, è esonerato dal dover presentare un Bilancio Ordinario e, quindi, di dover compilare una serie di Libri Contabili.

I Documenti necessari nella Contabilità Semplificata sono pochi, ovvero:

  • Registro IVA
  • Registro Incassi/Pagamenti
  • Registro dei Beni Ammortizzabili
  • Libro Unico del Lavoro (ma solo se si hanno dei dipendenti)

Altri, come Libro Giornale, Scritture Ausiliarie e Libro Inventario non sono richiesti. 

Contabilità semplificata: chi può accedervi

Ora, se le caratteristiche del regime di Contabilità Semplificata sembra fare al caso tuo, per poterlo adottare devi sapere che ci sono dei limiti da rispettare. 

Il limite cardine è rappresentato dal Fatturato. A seconda del tipo di attività che tu hai intenzione di portare avanti, non dovrai superare: 

  • 400.000 € nel caso tu sia un prestatore di servizi
  • 700.000 € per tutte le altre attività

Vuoi sapere se vi sono agevolazioni dal punto di vista fiscale? Tieni presente che la Contabilità Semplificata non si deve confondere con il cosiddetto Regime Forfettario. Per quel che riguarda le tasse, quest’ultimo è decisamente quello più vantaggioso, date le sue aliquote basse. Sappi però che i suoi limiti di fatturato sono assai più stringenti!

È la prima volta che ci leggi?

FareNumeri è il blog sul controllo di gestione più letto in Italia. Ogni mese pubblichiamo nuovi contenuti che spiegano in modo semplice (e senza paroloni) come gestire consapevolmente un’impresa. Se questo articolo ti è piaciuto, qui sotto ne trovi altri che possono esserti utili. Vuoi ricevere i prossimi post direttamente nella casella di posta? Inserisci qui la tua email!
Foto dell'autore Igor Zardoni

Igor Zardoni

Cintura nera di excel e appassionato di scrittura. Parole e numeri sono le due facce della mia passione e della mia professione.

Potrebbero interessarti anche: