RITORNO LIQUIDO DELL’ATTIVO: COME SI CALCOLA E SI INTERPRETA

Tempo di lettura: 2 minuti

Autore: Luigi Brusa

È un indice che mette in luce il contributo % dell’autofinanziamento totale (o da gestione reddituale) al ritorno in forma finanziaria dell’attivo di bilancio (sia operativo che extra-operativo).

Come si calcola

La formula di calcolo del ritorno liquido dell’attivo è la seguente:

Formula per il calcolo dell'indie di ritorno liquido dell'attivo

Al numeratore compare una grandezza che deriva dalla differenza tra tutti i ricavi monetari e tutti i costi monetari. Viene definito autofinanziamento totale o fonti totali generate dalla gestione reddituale e può essere calcolata anche così:

Esempio tipico dei costi non monetari sono le quote di ammortamento dei costi pluriennali, mentre un esempio di ricavi non monetari sono le rivalutazioni di partecipazioni.

Al denominatore compare il totale dell’attivo dello stato patrimoniale, che include tutte le attività, siano esse di gestione operativa che di altra natura (ad esempio attività finanziarie). Il valore dell’attivo suddetto, per semplicità, è quello alla fine del periodo di bilancio.

Come si interpreta

L’indice di ritorno liquido dell’attivo va inteso come ulteriore sintomo di liquidità, che integra le indicazioni provenienti da EBITDA margin (la % di mezzi finanziari che la gestione operativa produce rispetto a quelli lordi dei ricavi) e dall’indice di liquidità secondaria (la capacità, da parte dei mezzi liquidi o liquidabili in tempi brevi, di coprire le uscite per il pagamento di debiti a breve termine).

Esso mette in luce in che misura % la gestione reddituale contribuisce, con l’autofinanziamento, a rendere liquidi gli asset dell’attivo di bilancio.

Tabella che spiega l'effetto che ha per l'impresa il valore dell'indice

L’indice di ritorno liquido dell’attivo non ha parametri “logici” di riferimento. Esso dovrebbe  essere confrontato con valori medi di settore. A titolo di esempio, si può citare il valore indicato dagli indici di allerta del CNDCEC che, per il settore manifatturiero, è considerato ≥ 0,5%.

Autore Luigi Brusa

Luigi Brusa

Autore di numerosi testi sui sistemi di controllo e professore emerito presso Università degli Studi di Torino.

 Profilo Linkedin

Potrebbero interessarti anche: