AMMORTAMENTO, CHE COS’È?

Tempo di lettura: 3 minuti

Hai sempre sentito parlare di Ammortamento, ma non hai mai ben capito che cos’è? Cercherò di spiegartelo in meno di due minuti. È un procedimento contabile che ti permette di spalmare il costo di acquisto di un bene durevole in più esercizi, ovvero in più annualità. 

Nel Conto Economico, l’ammortamento è un costo NON monetario, ovvero privo di flusso di cassa. In altre parole, abbassa il tuo utile, ma non il livello della tua cassa. In quanto abbassando l’utile, si abbassano le tasse da pagare.

Ammortamento: scrittura di assestamento

L’Ammortamento è una scrittura di assestamento. In altre parole, è una voce che viene inserita in Conto Economico solamente al termine dell’esercizio. Se già ne sai qualcosa, allora saprai che è roba da commercialisti. 

Riguarda i beni durevoli (anche immateriali) dell’azienda. In azienda infatti ci sono beni che si consumano nel processo produttivo, come le materie prime per esempio. Altri invece danno struttura all’azienda stessa: 

  • Capannone
  • Terreni
  • Macchinari
  • Veicoli

A seconda del tipo di bene la legge ha previsto un coefficiente attraverso cui suddividere il valore in più annualità.

Ammortamento: come si calcola la quota di ammortamento

La quota di ammortamento è la parte del valore del bene, che viene registrata in conto economico su un numero previsto di esercizi. 

Lo so, è roba da commercialisti. Però conoscere il calcolo della quota di ammortamento ti può comunque essere utile. Metti per esempio che vuoi pianificare l’acquisto di un macchinario; devi sapere quanto ti peserà in conto economico per i prossimi anni. 

Per renderti le cose più chiare, guardiamo insieme questo specchietto. Ipotizziamo che vuoi comprare una macchina utensile. 

Tabella con un esempio di ammortamento

Il conteggio è semplice. Qui sotto trovi la formula. 

Vuoi sapere cosa si intende per Vita Legale del Bene? Presto detto.

Quando si parla di quote di ammortamento, bisogna per forza conoscere gli Anni di Vita Legale di un determinato bene durevole. La Vita Legale è infatti il coefficiente che ti permette di suddividere il valore totale del bene e, quindi, scoprire la quota di ammortamento. 

Non preoccuparti, in Gazzetta ufficiale è stata stilata una tabella, che ti potrà aiutare nel trovare tutti i coefficienti di calcolo che vuoi. 

Superammortamento e iperammortamento

Lo sapevi che periodicamente è possibile potenziare, ovvero aumentare, il valore dei tuoi ammortamenti, pagando così ancor meno tasse? 

Esistono delle forme in cui l’ammortamento può vedere il proprio valore aumentare parzialmente. Si tratta di misure di incentivazione all’investimento che lo Stato Italiano mette a disposizione delle aziende. Solitamente, se lo Stato decide di attuarle, vengono pubblicate in Legge di Bilancio alla fine di Dicembre. 

Le forme di potenziamento ideate nel tempo sono: 

  • Superammortamento
  • Iperammortamento

Il superammortamento è un aumento parziale del valore dell’ammortamento. Nelle varie leggi di bilancio che si sono susseguite nel tempo, il superammortamento ha avuto un valore che andava dal 130% al 140%. Che cosa significa? Che in Conto Economico, alla fine dell’anno, si andava a scrivere il 30% o il 40% degli ammortamenti in essere. Ciò abbassava l’utile, ma al contempo anche le tasse dovute allo Stato. 

L’iperammortamento è una forma avanzata di superammortamento che lo Stato ha previsto per i cosiddetti Investimenti 4.0, ovvero di nuova generazione. In questo caso, il valore dell’iperammortamento previsto era del 250%. In altre parole, in conto economico si scriveva un ammortamento con un valore più che raddoppiato. Un bel risparmio dal punto di vista delle tasse. 

Foto dell'autore Igor Zardoni

Igor Zardoni

Cintura nera di excel e appassionato di scrittura. Parole e numeri sono le due facce della mia passione e della mia professione.

Potrebbero interessarti anche: