LEVA OPERATIVA: COS’È E COME SI CALCOLA

Tempo di lettura: 5 minuti

La leva operativa misura il grado di rischio e opportunità collegato alle variazioni dei ricavi di vendita. È un indicatore che si calcola partendo della distinzione tra costi fissi e variabili.

Leva operativa: significato, definizione, formula e esempio di calcolo

L’esempio di due aziende a confronto

Il modo più efficace per comprendere il significato di leva operativa è quello di fare un esempio mettendo a confronto due imprese. La Caldolegno S.r.l. e la Stuffer S.r.l. producono entrambe stufe a legna, e alla chiusura di fine anno presentano i seguenti bilanci:

Esempio leva operativa con due aziende che fanno pari ricavi
  • Caldolegno produce quasi tutti i componenti internamente e ha costi fissi alti determinati dai costi dei macchinari e del personale dipendente;
  • Stuffer, invece, esternalizza molti processi produttivi e perciò acquista i componenti da fornitori esterni, per tale ragione ha meno dipendenti e meno costi per macchinari (costi fissi). Per contro ha maggiori costi variabili per l’acquisto dei componenti lavorati esternamente.

L’esempio sopra è fatto con ricavi (1.000), reddito (100) identici, e una diversa composizione tra costi fissi e costi variabili. Lo scopo è quello di evidenziare i differenti effetti sul reddito operativo, alle variazioni dei ricavi. Per capire meglio ipotizziamo due scenari opposti.

Ipotesi di incremento dei ricavi del +30%

Esempio leva operativa con due aziende che aumentano i ricavi del 30%

A fronte di un identico aumento dei ricavi (+300), Caldolegno ha una struttura con minori costi variabili e dunque beneficia del fatto che il loro aumento è inferiore rispetto a quanto accade in Stuffer.

Ipotesi di diminuzione dei ricavi del -30%

In questo scenario, entrambe le imprese subiscono una riduzione anche del reddito operativo ma in misura molto differente:

  • Caldolegno ha una struttura di costi rigida (costi fissi alti) che pesano sul reddito al punto di causare una perdita di (-110);
  • Stuffer, invece, avendo una composizione di costi più flessibile (costi fissi bassi), riesce a conservare un po’ di redditività (+10).
Tabella riepilogativa con 3 scenari di due imprese

Questo esempio serve ad osservare i differenti effetti che una diversa configurazione di costi determina sul reddito, nei casi di aumento o diminuzione dei ricavi.

Caldolegno ha una leva operativa più alta poichè il suo reddito operativo aumenta maggiormente di Stuffer quando i ricavi aumentano. Accade invece l’opposto quando i ricavi diminuiscono.

In pratica le due aziende hanno vantaggi e svantaggi differenti:

  • Caldolegno riesce ad ottenere risultati migliori nei casi di incremento;
  • Stuffer è in grado di gestire meglio le diminuzioni di fatturato.

L’effetto della leva operativa

Per comprendere fino in fondo l’effetto prodotto dalla leva operativa, vale la pena ricorrere alla rappresentazione grafica dell’analisi costi volumi risultati, ovvero la stessa che si utilizza per il break even point.

Grafico che rappresenta la situazione di 100 ricavi di Caldolegno
Grafico che rappresenta la situazione di 100 ricavi di Stuffer

Come già osservato nelle tabelle, con ricavi pari 1.000 entrambe le aziende ottengono un reddito pari a 100. I grafici però mostrano linee (azzurre) dei costi totali con differenti angolazioni, determinate dalla differente composizione di costi variabili.

I grafici che seguono mostrano cosa accade al reddito operativo al variare delle quantità vendute.

Grafico che rappresenta l'aumento e la diminuzione dei ricavi di Caldolegno
Grafico che rappresenta l'aumento e la diminuzione dei ricavi di Stuffer

 Attraverso la rappresentazione grafica è dunque possibile visualizzare le differenti leve operative. Tanto maggiore è l’ampiezza dell’angolo disegnato delle linee tanto più elevato sarà il grado di leva operativa

Formula di calcolo del grado di leva operativa 

La seguente formula permette di calcolare leva operativa:

La formula per il calcolo della leva operativa

Rispetto ai valori considerati fino a questo punto dobbiamo ricavare il valore del margine di contribuzione.

  • leva operativa Caldolegno = 700/100 = 7;
  • leva operativa Stuffer = 300/100 = 3.

Il grado della leva fornisce una misura della variazione del reddito al variare dei ricavi:

Immagine che rappresenta il grado di leva operativa
  • per ogni 10 € di variazione dei ricavi, Caldolegno avrà un variazione di 7 € di reddito;
  • per ogni 10 € di variazione dei ricavi, Stuffer avrà un variazione di 3 € di reddito.

Da ricordare:

  • costi fissi alti => leva operativa alta;
  • costi fissi bassi => leva operativa bassa.

Il grado di leva operativa

La misura della leva operativa può essere denominata anche come grado di leva operativa (o con l’acronimo GLO), e calcolata con una formula alternativa che conduce al medesimo risultato:

Applichiamo alla formula i valori di Caldolegno e Stuffer.

Esempio di calcolo del grado di leva operativa
  • GLO Caldolegno = 210% /30% = 7;
  • GLO Stuffer = 90% /30% = 3.

La formula è differente ma i risultati ottenuti sono i medesimi.

Operating leverage

La larga diffusione di termini anglosassoni potrebbe portare al nostro orecchio anche la definizione di “operating leverage”, ovvero la traduzione in inglese di “leva operativa”.

Non c’è alcun motivo di utilizzare questa definizione quando si parla in italiano, tuttavia è opportuno ricordarla per avere una pronta comprensione davanti ad interlocutori esteri.

G.L.O.

È l’acronimo di: Grado di Leva Operativa.

D.O.L.

È l’acronimo inglese: Degree of Operating Leverage (traduzione di “Grado di leva operativa”)

Considerazioni finali

Il modello di sviluppo di un’impresa può essere impostato attraverso la scelta di realizzare dei processi produttivi internamente, oppure preferendo una soluzione che privilegia il ricorso a fornitori esterni.

Si tratta della classica scelta strategica di “make or buy” che si basa su un insieme di fattori che, oltre alle valutazioni sulla redditività, considera anche la rigidità della struttura dei costi definita dalla distinzione tra costi fissi e variabili.

È opportuno ricordare che i costi fissi rimangono tali fino al pieno sfruttamento dalla capacità produttiva; oltre tale livello anch’essi aumentano, e le considerazioni sulla leva operativa perdono efficacia.

In quei casi bisogna fare un business plan che prenda in esame un arco temporale più ampio, e permetta di fare valutazioni più appropriate sulla struttura di costi da adottare.

In estrema sintesi la leva operativa può essere considerato un indicatore che misura il rischio/opportunità di un’impresa rispetto alla sua struttura di costi.

Problema risolto?

Ormai siamo tutti abituati a cercare su internet un po’ di tutto. Con pochi click puoi raggiungere tutte le informazioni del mondo. Ma per fare un lavoro, non sempre basta la conoscenza. Molto spesso devi avere anche gli strumenti giusti e l’aiuto di qualcuno con un po’ di esperienza. In questo modo puoi evitare gli errori da principiante. 

Per andare sul sicuro, e migliorare i sistemi di controllo della tua impresa, contattaci.

Letture consigliate

autore-giuseppe-brusadelli

Giuseppe Brusadelli

Da piccolo appassionato di numeri e matematica, da grande specializzato in finanza e controllo di gestione.

Potrebbero interessarti anche: