INDICE DI SOSTENIBILITÀ DEGLI ONERI FINANZIARI

Tempo di lettura: 2 minuti

Autore: Luigi Brusa

Quando si parla di “sostenibilità” in ambito economico-aziendale, inevitabilmente si fa riferimento al profilo finanziario della gestione e, in particolare, alla capacità dell’azienda di far fronte ai suoi debiti nei confronti dei prestatori di capitale.

Tra questi spiccano ovviamente le banche, per le quali il monitoraggio degli indici di sostenibilità dell’azienda cliente costituisce una delle premesse fondamentali per valutare il merito creditizio e quindi concedere credito e verificare il permanere della capacità di rimborso, una volta erogato il finanziamento.

Come si calcola

L’indice di sostenibilità degli oneri finanziari rientra nel più vasto novero degli indicatori di sostenibilità dei debiti finanziari e riguarda il cosiddetto servizio del debito.

Esso può essere espresso in più modi, di cui il più semplice consiste nel confrontare gli oneri finanziari e i ricavi di vendita, determinando così l’incidenza percentuale dei primi sui secondi:

Formula di calcolo per l'indice di sostenibilità degli oneri finanziari

In tale veste e denominazione il rapporto, tra l’altro, fa parte degli indici di allerta della crisi d’impresa individuati dal CNDCEC nell’ambito del codice della crisi d’impresa e della insolvenza.

Come si interpreta

L’espressione dell’indice mediante una percentuale sottolinea il peso che il costo dell’indebitamento finanziario rappresenta sul totale dei ricavi di vendita.

Quindi è, in primo luogo, un indice di incidenza dell’onerosità di tale costo sui ricavi, e quindi del margine che rimane a copertura di tutti i costi da sostenere per gestire il business (gestione operativa) e rimunerare il capitale proprio.

Questa è anche l’interpretazione più immediata del quoziente, nell’ottica della redditività e come tale ben presente nelle analisi di chi gestisce l’azienda.

Dalle banche viene inteso innanzitutto come sintomo della sostenibilità, per l’azienda cliente, del servizio del debito, che si affianca alla sostenibilità del rimborso del debito stesso.

Dato che tale attitudine deriva innanzitutto dalla capacità di produrre ricavi di vendita, con i relativi incassi, minore è l’incidenza percentuale degli oneri sui ricavi, maggiore viene ritenuta la sostenibilità. A volte, in ambito bancario, si formulano dei livelli standard di incidenza attorno al 2-3% del fatturato.

Al riguardo, però, si obbietta che l’idea di copertura degli oneri finanziari attraverso i ricavi di vendita è troppo generica e, di per sé, non tiene conto dei costi della gestione operativa, che potrebbero comprometterla seriamente.

Per questa ragione si preferisce affiancare (o sostituire) l’indice in oggetto con quello chiamato di copertura degli oneri finanziari, espresso confrontando con gli oneri stessi il cosiddetto EBITDA, che è una misura di autofinanziamento della gestione operativa.

Perché FareNumeri?

Pensiamo sia il modo migliore per farci conoscere.

Se l’articolo che hai letto ha risolto il tuo dubbio siamo contenti, per noi è una soddisfazione ogni volta. Se invece, il tuo problema è complesso e non riesci a risolverlo da solo, clicca qui sotto.

Contattaci

Autore Luigi Brusa

Luigi Brusa

Autore di numerosi testi sui sistemi di controllo e professore emerito presso Università degli Studi di Torino.

 Profilo Linkedin

Potrebbero interessarti anche: