DIRETTORE GENERALE: CHI È E COSA FA

Tempo di lettura: 5 minuti

 Autore: Gabriele Gerzeli Magni

Il direttore generale (DG) è una delle figure manageriali più importanti, con la responsabilità di orchestrare e dirigere diversi comparti aziendali.

Chi è il direttore generale

Inoltre, funge da nodo di connessione tra il personale e i vertici aziendali, beneficiando di un’ampia autonomia decisionale nell’adozione di scelte ritenute vantaggiose per la società.

La sua assunzione può avvenire sia in qualità di dipendente dell’azienda sia come libero professionista, tuttavia, è fondamentale sottolineare che non ricopre mai il ruolo di capo supremo dell’organizzazione.

Chi è?

La sua configurazione all’interno della struttura organizzativa non è obbligatoria, ma facoltativa e si adatta alle dimensioni dell’impresa:

  • nelle medie e grandi imprese diventa imperativo adottare una struttura organizzativa più complessa, e il DG assume inevitabilmente un ruolo di rilevanza;
  • in aziende più piccole la stratificazione dei ruoli potrebbe risultare meno marcata, lasciando ai soci il compito di gestire le questioni aziendali.

Il DG risponde direttamente all’amministratore delegato CEO, ai soci dell’impresa o al presidente del consiglio di amministrazione (CdA), secondo quanto stabilito nello statuto e nell’atto di nomina.

Ciononostante, il DG mantiene ruoli operativi e direttivi nei confronti dei manager all’interno dell’azienda, contribuendo alla definizione e implementazione delle strategie aziendali.

Considerando l’importanza del suo ruolo, è essenziale sottolineare come la sua leadership sia cruciale per il successo dell’azienda. La capacità di gestire congiuntamente aspetti operativi e decisionali richiede competenze sofisticate, oltre a una visione strategica che si allinei con gli obiettivi a lungo termine dell’organizzazione.

In un contesto aziendale in continua evoluzione, il direttore generale svolge un ruolo chiave nel navigare attraverso le sfide e nel guidare l’azienda verso l’eccellenza.

Mappa con evidenza del ruolo del direttore generale

Cosa fa?

Il direttore generale assume un ruolo di guida cruciale nell’azienda, dedicandosi a coordinare e ottimizzare le attività operative per garantire che gli obiettivi prefissati siano tradotti in risultati concreti.

Il suo impegno primario è di rendere le operazioni aziendali più efficienti e funzionali, al fine di promuovere la crescita e il successo complessivo dell’organizzazione.

Nel perseguire la prosperità aziendale, si impegna a:

  • incrementare il fatturato aziendale;
  • potenziare la visibilità esterna dell’azienda;
  • espandere le dimensioni e la portata dell’organizzazione;
  • favorire l’ottimizzazione dell’organizzazione interna;
  • progettare e implementare nuove strutture organizzative;
  • costruire e consolidare un gruppo di lavoro coeso;
  • sviluppare prodotti o servizi specifici;
  • potenziare i rapporti con fornitori, clienti e sindacati.

Inoltre, gestisce anche rapporti con gli stakeholder, inclusa la supervisione delle relazioni con il personale aziendale, la vigilanza sul corretto funzionamento del modello organizzativo adottato, la selezione di fornitori e la pianificazione di investimenti.

Il direttore generale assume un ruolo chiave nella gestione delle questioni legali dell’azienda, mantenendo contatti con professionisti del diritto, come gli avvocati, per tutelare l’azienda in varie situazioni.

Per attuare con successo tali obiettivi, si basa sulle direttive del consiglio di amministrazione, collaborando con tutti i principali attori aziendali per condurre l’impresa verso il progresso e l’eccellenza. Di conseguenza possono partecipare (come membri esterni) alle riunioni del CDA con un voto consultivo, senza contribuire alla formazione della volontà dell’organo gestorio.

Quali sono i compiti del direttore generale

Responsabilità

L’art. 2396 c.c. stabilisce che: “Le disposizioni che regolano la responsabilità degli amministratori si applicano anche ai direttori generali nominati dall’assemblea o per disposizione dello statuto, in relazione ai compiti loro affidati, salve le azioni esercitabili in base al rapporto di lavoro con la società”.

Se vuoi approfondire l’argomento della responsabilità degli amministratori ti consigliamo l’articolo dedicato qui.

Inoltre, l’art. 2390 c.c. sancisce il divieto di concorrenza: “Gli amministratori non possono… essere direttori generali in società concorrenti, salvo autorizzazione dell’assemblea. Per l’inosservanza di tale divieto l’amministratore può essere revocato dall’ufficio e risponde dei danni

Nomina

L’art. 2396 c.c. prevede che: “Il direttore generale è nominato dalla assemblea ordinaria dei soci, oppure, per disposizione dello statuto, da un organo diverso”.

In quest’ultimo caso, può spettare all’organo amministrativo (consiglio di amministrazione, comitato esecutivo o amministratore delegato) se previsto nello statuto.”

Nessuna norma impone l’iscrizione della nomina nel registro delle imprese, ma parte della dottrina ne ha affermato la necessità quando sia attribuito anche il potere di rappresentanza rispetto a una pluralità di atti.

Le norme dedicate ai sistemi alternativi di governance (dualistico e monistico) non escludono la possibilità di nominare un direttore generale. Di conseguenza nel modello dualistico la nomina del DG spetterà al consiglio di sorveglianza, mentre nel modello monistico all’unico organo amministrativo previsto.

Che caratteristiche deve avere?

Il direttore generale rappresenta un individuo dotato di leadership esemplare e competenze gestionali avanzate, essenziali per guidare l’azienda con successo. La sua figura deve essere in grado di comprendere appieno tutte le risorse disponibili all’interno dell’impresa, valutandone attentamente l’organizzazione.

Inoltre, deve dimostrare una profonda comprensione dell’andamento del mercato nel settore di riferimento, analizzando i trend per formulare strategie efficaci per l’introduzione di nuovi prodotti o servizi e per superare la concorrenza.

La prospettiva del DG deve essere orientata al futuro, richiedendo l’acquisizione di soft skills cruciali, quali creatività e spirito di iniziativa. Queste competenze, unite a una visione chiara e proattiva, gli consentono di anticipare le sfide emergenti e di sviluppare soluzioni innovative.

La capacità di gestire in modo equilibrato le dinamiche interne ed esterne è fondamentale; il direttore deve coltivare un ambiente interno coeso, in cui le risorse siano ottimizzate per il massimo rendimento, mentre contemporaneamente deve interagire in modo strategico con gli stakeholder esterni per stabilire partenariati e garantire una presenza competitiva sul mercato.

Questo insieme di qualità è essenziale per affrontare con successo le sfide dinamiche e complesse del panorama aziendale contemporaneo.

Come si diventa direttore generale?

Come si diventa direttore generale

Diventare direttore generale richiede un percorso che, sebbene non sia obbligatorio, generalmente prevede il conseguimento di una laurea in materie economiche o discipline connesse al management.

Tuttavia, ancor più cruciale è l’accumulo di esperienza pratica sul campo: è fondamentale che la persona destinata a ricoprire tale ruolo abbia maturato un bagaglio di esperienze lavorative significative, preferibilmente in contesti diversificati e, soprattutto, nel settore di attività dell’azienda.

L’esperienza pregressa in contesti diversi non solo arricchisce il bagaglio professionale, ma consente anche di acquisire una comprensione avanzata dei vari aspetti che influenzano il funzionamento di un’azienda.

Inoltre, sono fondamentali:

  • sviluppo di competenze manageriali: partecipazione a corsi di formazione manageriale o programmi specifici per acquisire competenze di gestione e leadership;
  • networking e relazioni interpersonali: costruzione di una rete professionale solida, che può contribuire all’acquisizione di opportunità e fornire un sostegno durante la crescita professionale;
  • aggiornamento continuo: impegno nell’aggiornamento costante sulle tendenze del settore e sulle migliori pratiche di gestione aziendale.

La combinazione di tutti questi elementi prepara il professionista a guidare efficacemente un’azienda attraverso le sfide mutevoli del mondo degli affari.

Immagine con 4 punti di domanda

Alcune domande sul direttore generale

L’institore è un ausiliario interno dell’imprenditore insieme ai commessi e ai procuratori. Ha una rappresentanza automatica che deriva dal fatto di essere collocato in quella determinata posizione.

Il direttore generale potrebbe non avere rappresentanza e svolgere solo funzioni interne.

Anche se il direttore generale è una figura del tutto centrale per un’azienda, comunque deve rispondere ad altre figure a lui superiori, come ad esempio l’amministratore delegato, oppure il presidente.

Dirige il personale dell’azienda, consiglia il capo dell’azienda in merito a decisioni da prendere per ottimizzare e migliorare il rendimento, cura i rapporti con le organizzazioni sindacali e si occupa delle questioni legali legate a cause in cui è coinvolta l’azienda.

Può essere nominato dall’assemblea o per disposizione dello statuto. Si ammette comunque che l’organo amministrativo possa nominare il direttore generale anche in assenza di una previsione statutaria ad hoc

Nessuna difficoltà si oppone al cumulo dei due incarichi, purché le relative funzioni restino concettualmente distinte e non lo trasformino in un datore di lavoro di sé stesso. Quindi, ad esempio, non è possibile avere il cumulo tra DG e amministratore unico.

Perché FareNumeri?

Pensiamo sia il modo migliore per farci conoscere.

Se l’articolo che hai letto ha risolto il tuo dubbio siamo contenti, per noi è una soddisfazione ogni volta. Se invece, il tuo problema è complesso e non riesci a risolverlo da solo, clicca qui sotto.

Contattaci

Foto autore Gabriele Gerzeli

Gabriele Gerzeli Magni

Laureato in economia aziendale e studente magistrale in amministrazione, controllo e professione. Tramite articoli di valore guido le persone verso una migliore comprensione delle sfide e delle opportunità nel mondo economico-aziendalistico aiutandole a prendere decisioni informate.

 Profilo Linkedin

Potrebbero interessarti anche: