MARGINE DI STRUTTURA: COS’E’ E COME SI CALCOLA

Tempo di lettura: 1 minuto

Per calcolare il margine di struttura è prima necessario riclassificare lo stato patrimoniale. Il valore che si ottiene indica se le immobilizzazioni sono coperte dalle fonti di finanziamento a medio lungo termine. A seconda dei valori presi in considerazione nel suo calcolo, ne esistono 2 tipologie.

Margine di struttura primario

Il margine di struttura primario è una somma algebrica che confronta le immobilizzazioni con il patrimonio netto. Esso cerca di indagare se le fonti messe a disposizione dai soci siano sufficienti a coprire gli impieghi durevoli dell’azienda.

Formula per il calcolo del margine di struttura primario

Se il valore calcolato è positivo, significa che la struttura aziendale è finanziata totalmente dai mezzi forniti dai soci. Non necessariamente un valore negativo è considerabile come uno squilibrio.

Tabella che rappresenta il margine di struttura primario

Nel caso ciò avvenga, si analizza il margine di struttura secondario.

Margine di struttura secondario

Formula per il calcolo del margine di struttura secondario
Tabella che rappresenta il margine di struttura secondario

È importante che il risultato sia maggiore di zero. Altrimenti, significa che le immobilizzazioni sono finanziate anche dalle passività correnti. Ciò rappresenta un segnale di squilibrio finanziario.

Perché FareNumeri?

Pensiamo sia il modo migliore per farci conoscere.

Se l’articolo che hai letto ha risolto il tuo dubbio siamo contenti, per noi è una soddisfazione ogni volta. Se invece, il tuo problema è complesso e non riesci a risolverlo da solo, clicca qui sotto.

Contattaci

autore-giuseppe-brusadelli

Giuseppe Brusadelli

Da piccolo appassionato di numeri e matematica, da grande specializzato in finanza e controllo di gestione.

Potrebbero interessarti anche: