INDICE DEL PATRIMONIO NETTO SUL FATTURATO

Tempo di lettura: 1 minuto

Autore: Luigi Brusa

È un indice non molto frequente nelle analisi di bilancio, che pone a confronto la fonte di finanziamento capitale proprio con la grandezza che più di ogni altra esprime il volume di attività dell’azienda, cioè i ricavi di vendita.

Come si calcola

La formula di calcolo è la seguente:

Formula per calcolare l'indice del patrimonio netto sul fatturato

Al numeratore compare il totale dei mezzi finanziari apportati dal proprietario o dai soci, oppure lasciati investiti perché una parte degli utili non è stata distribuita.

Tale valore si trova nel passivo dello stato patrimoniale; ad esso viene sottratto l’importo dei crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, cioè somme sottoscritte ma non ancora versate all’atto del conferimento del capitale sociale.

Al denominatore troviamo i ricavi di vendita accolti nel conto economico.

Come si interpreta 

L’indice non esprime un sintomo immediato e diretto di equilibrio/squilibrio.

Un’interpretazione può essere questa: in che misura % il capitale proprio contribuisce a finanziare il volume di attività dell’azienda, espresso dai ricavi di vendita. Ciò rientra in un ragionamento più ampio, che riguarda anche il capitale di terzi (cioè i debiti).

Tabella che spiega l'effetto controintuitivo che ha per l'impresa il valore dell'indice

Se il volume di attività  svolta con il finanziamento del capitale proprio aumenta, l’indice diminuisce e questo si riflette positivamente sull’incidenza degli oneri finanziari sui ricavi di vendita  e sulla possibilità di rimunerare congruamente il capitale proprio.

Segui FareNumeri su Linkedin

Commenta e condividi i nostri articoli e video, aiutaci a divulgare la cultura dei numeri nelle scelte gestionali delle PMI.
Autore Luigi Brusa

Luigi Brusa

Autore di numerosi testi sui sistemi di controllo e professore emerito presso Università degli Studi di Torino.

 Profilo Linkedin

Potrebbero interessarti anche: