MICRO-IMPRESE: QUALI SONO? DIFFERENZE TRA ITALIA ED EUROPA

Tempo di lettura: 3 minuti

Il codice civile e la Commissione Europea attribuiscono significati diversi al concetto di micro-impresa:

  • in Italia, tale definizione è collegata ad un bilancio d’esercizio semplificato;
  • in Europa, la definizione di micro-impresa è utilizzata nell’ambito dei contributi pubblici a sostegno delle imprese.

Le differenze tra Italie ed Europa per le micro-imprese

La definizione di micro-imprese nel codice civile italiano

Il Codice civile, all’art.2423-ter, fissa i valori che definiscono le micro-imprese:

“Sono considerate micro-imprese le società di cui all’articolo 2435-bis che nel primo esercizio o, successivamente, per due esercizi consecutivi, non abbiano superato due dei seguenti limiti: 

  1. totale dell’attivo dello stato patrimoniale: 175.000 euro;
  2. ricavi delle vendite e delle prestazioni: 350.000 euro;
  3. dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 5 unità. (…)”

Il bilancio delle micro-imprese

La normativa italiana prevede un bilancio d’esercizio semplificato per le micro-imprese. Sempre l’articolo 2423-ter recita:

“Le micro-imprese sono esonerate dalla redazione:

  1. del rendiconto finanziario;
  2. della nota integrativa quando in calce allo stato patrimoniale risultino le informazioni previste dal primo comma dell’articolo 2427;
  3. della relazione sulla gestione (…).”

La definizione della Commissione Europea

In base alle definizioni pubblicate dalla commissione europea, un’azienda è considerata micro-impresa quando rientra nei due seguenti parametri, occupazionale ed economico-patrimoniale:

  • il numero di dipendenti è inferiore a 10;

I valori di bilancio possono essere uno, o entrambi, tra:

  • fatturato ≤ 2 milioni di euro;
  • valore di bilancio ≤ 2 milioni di euro.
La classificazione come micro impresa

Il calcolo delle unità lavorative annue (ULA)

Per calcolare il numero di lavoratori, utile a definire il primo parametro dimensionale, bisogna considerale le ULA, ovvero le unità lavorative annue. Per misurarle è necessario considerare due dati:

  • la data di assunzione del dipendente;
  • il numero di ore previste dal contratto (part-time o tempo pieno).

L’esempio più semplice riguarda il dipendente presente da inizio anno a tempo pieno. In quel caso il suo valore in ULA sarà 1.

Se invece il dipendente è stato assunto in corso d’anno e/o lavora a tempo parziale, bisognerà calcolare due coefficienti:

  • occupazione nell’anno, mesi effettivi di occupazione / 12;
  • tipo di contratto part-time, ore lavorate giornaliere / 8.
Formula per il calcolo degli ULA dipendenti

Esempio con un dipendente assunto al 1° luglio, con un contratto di 4 ore al giorno:

Esempio applicazione formula per calcolo una

Una volta calcolato il valore effettivo di ogni dipendente si sommano tutti i valori ottenuti e si calcola il totale delle ULA.

I paramenti europei che definiscono la dimensione di impresa

MPMI è l’acronimo di micro, piccole e medie imprese, e identifica tre gruppi di imprese che rientrano in determinati parametri dimensionali ed economico-patrimoniali.

Nel linguaggio comune è molto più usata la forma breve PMI, che richiama alla mente un gruppo eterogeneo di aziende nate e cresciute nel solco di una gestione famigliare, con caratteristiche assai diverse dalle realtà multinazionali.

Una norma ministeriale del 2005 ne classifica la dimensione in base a tre parametri:

  • numero di lavoratori;
  • fatturato;
  • totale di bilancio.
PMI: dimensione e parametri

Il parametro più importante e obbligatorio per la classificazione delle MPMI è quello dei lavoratori occupati; a questo ne va aggiunto almeno uno fra gli altri due, fatturato e totale di bilancio. Se questi ultimi superano entrambi i limiti, l’azienda passa alla dimensione superiore.

Per il calcolo della dimensione si devono anche considerare le partecipazioni in altre società (imprese associate e collegate). Questa guida curata dalla commissione europea spiega in modo molto dettagliato i criteri adottati.

Problema risolto?

Ormai siamo tutti abituati a cercare su internet un po’ di tutto. Con pochi click puoi raggiungere tutte le informazioni del mondo. Ma per fare un lavoro, non sempre basta la conoscenza. Molto spesso devi avere anche gli strumenti giusti e l’aiuto di qualcuno con un po’ di esperienza. In questo modo puoi evitare gli errori da principiante. 

Per andare sul sicuro, e migliorare i sistemi di controllo della tua impresa, contattaci.

autore-giuseppe-brusadelli

Giuseppe Brusadelli

Da piccolo appassionato di numeri e matematica, da grande specializzato in finanza e controllo di gestione.

Potrebbero interessarti anche: