LEGGERE IL BILANCIO PER DECIDERE INFORMATI

Tempo di lettura: 5 minuti

Per molte imprese lo Stato Patrimoniale e il Conto Economico sono documenti che riguardano solamente l’area amministrativa e fiscale. Se un tempo ci si poteva permettere questo approccio, ora non è più pensabile. Esaminare il bilancio solo in fase di controllo consuntivo è una pratica imprudente, per non dire pericolosa.

Da dove iniziare a leggere il bilancio aziendale

Il bilancio è uno strumento da utilizzare prima di prendere decisioni, soprattutto quelle più importanti. Capire come va letto e interpretato è una competenza che tutti possono apprendere e sviluppare. Per guidare con successo un’impresa non basta “tirare la riga” a fine anno come si faceva una volta. Il rischio è di correre tutto l’anno e poi alla fine accorgersi che di non aver combinato nulla.

La differenza tra leggere e analizzare un bilancio

Provo a spiegarti questa distinzione con un esempio: nel nuoto c’è chi si allena per diventare un professionista, e chi va in acqua per fare un po’ di movimento. Con il bilancio è la stessa cosa, ci sono livelli differenti. L’attività è simile ma cambia l’obiettivo, l’intensità e dunque la tipologia di esercizi.

Esiste però un livello minimo a cui deve arrivare un imprenditore. È di vitale importanza imparare almeno a galleggiare. Anche quelli che si sentono negati coi numeri devono fare uno sforzo. La concorrenza di oggi non lascia scampo a quelli che pensano di fare impresa come si faceva vent’anni fa.

Se vuoi apprendere e migliorare devi fare cose adeguate al tuo grado di conoscenza. Questo aspetto è di cruciale importanza. L’errore più frequente è quello di andare su cose troppo sofisticate per poi confondersi in mezzo ai tecnicismi. Meglio invece focalizzare l’attenzione sui pochi numeri, quelli più importanti. Se vuoi sapere da dove cominciare puoi scaricare subito questa guida.


Leggere il bilancio: 5 step per farlo nel modo giusto

Scarica la guida gratuita e finalmente capirai cosa stanno dicendo i numeri aziendali!


Qui troverai anche degli esempi facili da capire. Poi, per migliorare, ti servirà un po’ di pratica sui numeri della tua azienda. Se capisci il metodo le cose poi diventano sempre più facili. Leggere il bilancio è un’attività che si assimila un po’ alla volta, proprio come imparare a nuotare.

Quali informazioni puoi estrapolare dal bilancio?

Dalla lettura del Bilancio è possibile ricavare informazioni di importanza vitale. I numeri raccontano in forma sintetica e oggettiva i risultati e l’andamento dell’azienda. Si tratta di informazioni interne all’impresa. Se opportunamente utilizzate, possono aiutare l’impresa a:

  • comprendere i punti di forza e le aree di miglioramento
  • osservare e analizzare le differenze da un anno all’altro
  • confrontare i propri risultati con quelli dei competitor

Questo genere di attività è carente se fatta solo da una prospettiva di prodotto. Il rischio è quello di farsi suggestionare dalle apparenze e perdere il contatto con la realtà.

“Senza numeri sei solo un’altra persona con un’opinione”

                                                                          W. E. Deming

Quando si prendono decisioni in azienda ognuno rischia di avere il suo punto di vista. In molti casi ci si può bloccare davanti ad una divergenza di visioni tra soci. Situazioni che spesso si logorano. Incomprensioni che si trascinano. Con i numeri in mano è più facile riportare il ragionamento su ciò che è meglio per l’azienda e dunque per tutti.

I numeri contengono una sintesi di tutto quello che accade in azienda. Ogni operazione viene registrata in contabilità e confluisce nel bilancio grazie al minuzioso lavoro fatto dalla contabilità. Ed è proprio l’origine contabile il principale ostacolo da superare.

Il bilancio predisposto dall’area contabile e dal commercialista deve prima di tutto rispettare la rigida normativa fiscale. Questo formato è inutilizzabile da chi invece vuole ricavarne informazioni di natura gestionale. Troppe pagine piene di numeri che mescolano informazioni cruciali ad altre trascurabili. Per questo motivo occorre eseguire una specie di traduzione. Una operazione che prende il nome di riclassificazione.

Neppure io sono in grado di leggere un bilancio se prima non lo riclassifico. Si tratta di un passaggio che ha lo scopo di semplificare la lettura e l’interpretazione dei numeri. Se vuoi capire come si riclassifica il Bilancio scarica la guida.


Leggere il bilancio:

5 step per farlo nel modo giusto

Scarica la guida gratuita e finalmente capirai cosa stanno dicendo i numeri aziendali!


Cosa ostacola le PMI?

Nelle grandi imprese il ruolo del responsabile finanziario (CFO) ha un grande rilievo strategico. È il n° 2 dopo il direttore generale (CEO). È colui che misura la sostenibilità dei progetti aziendali. Ne verifica il grado di priorità e la coerenza rispetto agli obiettivi generali. È l’unico in grado di fornire una visione d’insieme basata su dati concreti.

Chi si occupa di questo fare questo nelle PMI? Nel 90% dei casi nessuno. Questa competenza è poco presente nelle PMI. Il punto di forza delle PMI Italiane è sempre stato il “saper fare”. Molti capitani d’impresa sono tecnici molto capaci. Conoscono invece poco o niente di Finanza e Controllo. La qualità del prodotto è stata per tanti anni un motore sufficiente a spingere le imprese. Oggi invece è solo uno dei requisiti per stare sul mercato. La differenza la fanno da altri fattori come ad esempio la rapidità di adattamento ai cambiamenti del mercato.

Questo ritardo culturale si può colmare solo con la formazione. Sono le competenze a differenziare un’azienda dall’altra. Nelle PMI, quando si parla di investimenti, a farla da padrone sono ancora beni tangibili come impianti e macchinari. È una mentalità che sta lentamente cambiando. Speriamo non troppo lentamente

Riepilogando:

Guidare un’impresa vuol dire prendere decisioni ogni giorno, spesso si basandosi sulla esperienza e l’istinto. È giusto che sia così, le decisioni spesso richiedono tempi rapidi. Ogni tanto però occorre verificare la rotta. Altrimenti si rischia andare veloci, ma dalla parte sbagliata. il Bilancio offre una visione d’alto come quella di un navigatore satellitare. Per guidare devi guardare la strada davanti a te, però devi anche sapere dove stai andando.

In questo articolo ho parlato delle motivazioni per imparare a leggere il Bilancio. Non volevo rendere la questione tecnica già dalle prime parole. Se però sei arrivato fin qui vuol dire che sei pronto per cominciare. Ti invito quindi a scaricare la mia guida.

Buon lavoro 🙂

autore-giuseppe-brusadelli

Giuseppe Brusadelli

Da piccolo appassionato di numeri e matematica, da grande specializzato in finanza e controllo di gestione.

Potrebbero interessarti anche: